miti sul seo da sfatare

Miti Sul SEO Da Sfatare Per Non Rovinare La Tua Carriera

C’è molta gente che pubblica roba su Internet che vorrebbe essere sulla prima pagina di Google, sfortunatamente, le persone sono troppo attaccate ai miti sul SEO.

In questo articolo, parlerò di alcuni miti di cui dovresti essere a conoscenza da sfatare per avere traffico  da Google e quindi guadagnare.

Qualunque cosa diversa dal traffico organico ti costerà solo soldi e ti convertirà molto meno. Quindi iniziamo con l’elenco dei miti sul SEO più comuni.

 

15 Miti Sul SEO Più Comuni Da Smentire

seo

 

Mito n. 1. Il SEO È Morto

Negli ultimi anni, tutto il clamore è su #YouTube e #Instagram. Condividi il Tweet

E tra molti blogger, puoi sentire dire che “il SEO è morto”.

Ma, in effetti, l’ottimizzazione dei motori di ricerca ha ancora il ROI più alto tra tutti i vari canali.

E il content marketing nel 2019 funziona ancora bene.

In realtà, l’età d’oro della SEO è proprio ora.

Conclusione: il SEO è più difficile, ma non è ancora morto.

 

Mito n. 2. SEO È Una Frode

Un altro mito popolare è che la SEO è una sorta di frode, che dovresti evitare ad ogni costo.

Infatti, Google riconosce ufficialmente che la SEO può “potenzialmente migliorare il tuo sito e risparmiarti tempo“.

ricerca google

Naturalmente, è vero che ci sono molti “artisti della truffa” nel mondo SEO e devi stare molto attento quando scegli la giusta agenzia SEO o specialista SEO per il tuo business.

Fai da te e sarà meglio così!

 

Mito n. 3. Google È In Guerra Con Il SEO

Potresti pensare che Google tenga conto solo del suo programma pubblicitario chiamato Google Ads e non di persone che vogliono traffico gratuito.

Seguendo questa logica, se fai SEO, è contro le linee guida di Google e il tuo sito sarà punito.

È tempo di rimuovere questo mito!

Google afferma ufficialmente che le agenzie SEO “possono fornire servizi utili” o “se stai pensando di assumere una persona a farti il SEO, prima lo fai meglio sarà“.

 

Mito n. 4. Non Hai Bisogno Di Backlink

Uno dei miti sul SEO più dannosi è che “non hai bisogno di backlink“. Pubblica i tuoi contenuti e Google li scoprirà.

Gestisco diversi siti web, in diverse nicchie. Mentre, naturalmente, è possibile avere traffico sul tuo sito senza backlinks, è quasi impossibile ricevere traffico da Google, se altri siti non fanno link sul tuo.

lista di controllo

 

E se non esegui alcune strategie di link building, ci vorranno anni per classificare il tuo sito.

 

Mito n. 5. Fare Il Link Building È Spam

Un’altra modifica del mito precedente è questa

i backlink sono importanti, ma appariranno da soli in qualche modo #seobullshit Condividi il Tweet

Questo non succederà.

Ovviamente, non dovresti usare le tecniche SEO di BlackHat, che rovineranno la tua presenza online.

Ma, se stai facendo outreach, guest post di qualità, la “tecnica del grattacielo“, aumenterai enormemente la tua presenza online.

 

Mito n. 6. Basta Comprare Backlink …

Alcuni blogger sono molto sospettosi riguardo al link building e altri pensano ai backlink in termini di acquisto di un pacchetto di oltre 1000 link su Fiverr per $ 5.

In realtà, questo tipo di backlink non farà nulla nel migliore dei casi, e molto probabilmente danneggerà il tuo sito.

La costruzione dei link è diventato un processo molto costoso e difficile, che richiede un notevole impegno e sforzi.

Nella mia esperienza, la qualità vince totalmente sulla quantità dei link.

200-300 domini di riferimento di alta qualità possono facilmente superare migliaia di link di scarsa qualità.

 

Mito n. 7. Basta Inviare Articoli Alla Stampa

Postare articoli su giornali di alta qualità può ancora apportare qualche valore al SEO, ma questo è sempre più limitato.

miti da sfatare nel seo

 

Invece di inviare articoli ai giornali, è più utile concentrarsi sulla creazione di backlink da fonti con autorità.

Ricorda, i link sono preziosi quando le persone effettivamente li “usano“, cioè se fanno clic su di essi.

 

Mito n. 8. Gli Annunci A Pagamento Aiutano Con Il SEO

Uno dei miti più comuni sul SEO è che gli annunci a pagamento aiuteranno la tua visibilità.

È giunto il momento di demolire questo mito: non vi è assolutamente alcuna correlazione tra le tue campagne di annunci su Google e i fattori di ranking in Google.

Tuttavia, se hai un bel articolo, infografica, pagine di destinazione o un blog, spendi dei soldi per promuoverle tramite gli annunci e queste pagine possono guadagnare alcuni link!

E, naturalmente, le buone campagne PPC generano più interesse e ricerche per la tua azienda, che è un importante fattore di ranking.

 

Mito n. 9. 300 Parole Sono Sufficienti

C’è una visione piuttosto semplificata del SEO, e un elemento di questo è che un contenuto di 300 parole è sufficiente per costruire la tua presenza sui motori di ricerca.

O puoi semplicemente comprare degli articoli casuali di qualità su Fiverr o Upwork, e tutto funzionerà bene.

Infatti, se vuoi avere un sacco di traffico organico, dovresti mirare almeno a 1500-2000 parole di contenuti di qualità.

 

Mito n. 10. Ricerca Delle Parole Chiave? Perdita Di Tempo…

Prima dell’algoritmo Hummingbird di Google nel 2013, Internet era pieno di spam, blog pieni di parole chiave.

PBN (reti di blogging private) hanno governato il mondo. Ma tutto è cambiato in un giorno. Condividi il Tweet

Quindi, ora, le parole chiave non contano più. Google è diventato così avanzato, utilizza intelligenza artificiale complessa, codice semantico per riconoscere frasi e concetti, anziché parole chiave.

Anche se questo è vero, è molto più difficile (quasi impossibile) ingannare Google con parole chiave ovunque,  il fatto che Google ha rimosso  le”meta keywords” può dimostrarlo.

Ma, in realtà, Google non ha mai dichiarato ufficialmente che le parole chiave non sono più importanti.

È solo dopo Hummingbird e RankBrain, che dovresti concentrarti maggiormente sull’intento di ricerca e “rispondere alla query di ricerca“, piuttosto che mettere quante più parole chiave possibili nei tuoi contenuti.

w w w w h w

Conclusione: la ricerca delle parole chiave è ancora vitale se vuoi far crescere il tuo traffico organico.

Nella mia esperienza, i blog, dove ho creato post basati su parole chiave, sono cresciuti molto più velocemente, rispetto ai blog fatti in base all’intuizione.

 

Mito n. 11. I Social Media Non Contano Col SEO

Questo è uno degli argomenti più controversi.

Questo video di Matt Cutts di Google afferma chiaramente che Google non considera i segnali sociali un fattore di ranking.

Ma, soprattutto negli ultimi tempi, c’è un enorme cambiamento in questo settore.

Se hai una pagina che ha migliaia di condivisioni, Facebook, Twitter, Pinterest, Linkedin e così via, sarà sulla prima pagina, se non il primo risultato a breve.

E posso confermare che con una delle pagine del mio sito, che ha ricevuto più di 100.000 condivisioni su Pinterest, è diventato il primo risultato di ricerca di immagini di Google, senza alcun backlink.

Quindi, i segnali sociali influenzano le classifiche, semplicemente non sappiamo esattamente come.

 

Mito n. 12. Fare Un Investimento In Una Botta Risolverà I Problemi

Molti proprietari di siti Web prendono seriamente la SEO. Ma, pensano a questo come a un investimento unico.

Ad esempio, pensano che pagare qualcuno per scrivere 1000 articoli in un colpo per $10.000 sia un buon investimento.

Ma infatti…

Il SEO impiega molto tempo e molte campagne prima che porti a qualche risultato.

Se lasci da parte il tuo sito, tutti i tuoi concorrenti coglieranno l’occasione per superarti.

 

Mito n. 13. Avrai Risultati Con SEO In Un Mese

Questo è un altro malinteso tra i blogger quando creano contenuti! In poche settimane, si aspettano che Google porti migliaia di visitatori sui loro siti.

Ecco la verità.

Negli ultimi anni, la SEO è diventata molto più competitiva, ci vuole molto più tempo e sforzi per iniziare la classifica su Google.

Puoi iniziare a vedere i primi risultati del tuo lavoro, con ottimi contenuti e una strategia di link building efficace, in almeno 6-12 mesi.

SEO è essenzialmente un gioco a lungo termine.

La parte buona del SEO è quando finalmente inizi a ottenere la trazione con Google!

Le tue parole chiave organiche iniziano a essere classificate e inizi a ricevere traffico anche dai post dei blog più vecchi. Poi vedrai che le azioni e il traffico cresceranno in maniera massiccia.

 

Mito n. 14. Usare Facebook Per Il Traffico

Ogni mezzo ha i suoi vantaggi e svantaggi.

Ovviamente, Facebook può fornire un pubblico molto più mirato e giovane.

Ma, il traffico di Google ha un grande potere, il traffico è sempreverde. #google #search #traffic #seo Condividi il Tweet

Vedi, ogni volta che pubblichi contenuti su Facebook, può diventare virale per poche ore o forse giorni, ma poi scompare per sempre.

Mentre su Google (e su altri motori di ricerca), le persone saranno in grado di trovare i tuoi contenuti per un tempo molto più lungo.

google seo

È un concetto di contenuto sempreverde, vecchio contenuto, che porta ancora traffico al tuo sito. Il contenuto sempreverde è uno degli ingredienti segreti per fare soldi online tramite un blog.

 

Mito n. 15. Più Contenuti E Basta

C’è una visione che più pagine indicizzate hai, più traffico otterrai.

Pertanto, molti guru SEO creano migliaia di pagine indicizzate false, sperando in una “valanga di ricerca organica“.

Devo confessare, ho provato anche quello. E non ha funzionato.

In effetti, i siti con meno contenuti ma di alta qualità tendono a classificarsi meglio di quelli con migliaia di pagine di bassa qualità o duplicate.

Inoltre, se hai tonnellate di pagine, potrebbero non essere indicizzate affatto.

Oppure, se sono indicizzate, ma non classificano o hanno un altro bounce rate e pogo sticking, è un brutto segno per Google, in quanto si posiziona in basso tutti i tuoi post futuri.

Concentrati sempre sulla qualità. Condividi il Tweet

 

Conclusioni

Naturalmente, ci sono molti altri miti sul SEO, ho delineato solo alcuni di quelli più comuni.

La linea di fondo è, si dovrebbe sempre guardare i dati.

Se il SEO aiuta la tua attività e hai un ottimo ROI, fantastico! Se non è il caso (SEO non funziona in tutte le aree, nicchie, ecc.), Riconoscilo il prima possibile e prova altro.

 

Non seguire troppo l’istinto o la foga del principiante, questi miti sul SEO possono facilmente rovinare la tua attività o carriera online.

 

marco diversi eagle

Cosa Imparerete Su Questo Blog!

Resta sintonizzato e iscriviti al mio blog in modo da ricevere notifiche sui nuovi post. Lentamente spiegherò questi argomenti:

  1. SEO (Search Engine Optimization).
  2. Affiliate Marketing
  3. Trucchi per traffico gratuito e a pagamento.
  4. Coding e WordPress
  5. Guadagnare con un computer e una connessione  Internet anche mentre dormi.

Seguimi sui social media, hai tutti i link nella parte in basso a destra di questo blog, inoltre commenta e contattami se hai bisogno di aiuto.

Qua ci sono le migliori risorse che uso per essere un super affiliato, guardale qua! 

Vuoi essere un uomo o una donna libera? Salta nella squadra allora!

Marco Diversi.

Last Update:

Cool?
Article Value / Product Value
Summary

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *